Perchè prendo decisioni sbagliate

da | 6 Lug, 2021 | Psicologia

Tutti noi abbiamo degli automatismi mentali. Sono detti bias cognitivi e ci permettono di prendere decisioni in fretta e senza fatica. Peccato che nella maggior parte dei casi sono fondati su percezioni errate o deformate, su pregiudizi e ideologie. Per questo motivo ci portano a prendere decisioni sbagliate.

Il pensiero obliquo è un procedimento logorato e inefficace, che rischia di condurci in vicoli ciechi di nonsenso. Gli studiosi hanno individuato decine e decine di bias cognitivi, e ogni anno ne vengono scoperti di nuovi.

Ne analizzeremo alcuni, naturalmente corredandoli di alcuni consigli anti-bias:

Sconto iperbolico (hyperbolic discounting): E’ la propensione a scegliere sempre e comunque il piacere immediato rispetto alla felicità a lungo termine. Uno studio ha misurato che nella proposta di scegliere tra uno snack al cioccolato o un frutto il 74% degli intervistati sceglieva il frutto se la scelta era spostata nel futuro. Ben il 70% invece sceglieva lo snack se la scelta riguardava il momento presente

Anti-bias: Il nostro io-futuro sarà uguale al nostro io-presente se non impariamo a disciplinarci. Facciamo oggi le scelte per il bene del nostro futuro e non aspettiamo domani.

Errore dello scommettitore (gambler’s fallacy): Consiste nel ritenere che il futuro verificarsi di un evento casuale sia influenzato da ciò che è successo nel passato. Molti giocatori della roulette pensano che “debba” uscire il rosso perchè il nero è già uscito, non tenendo conto della casualità dell’evento.

Anti-bias: se la situazione volge al peggio, la miglior cosa da fare è volgere al meglio il resto.

 

Per approfondire altri temi di psicologia leggi anche

Nei panni dell’altro 

 

Euristica dell’influenza (affect heuristic): La nostra percezione della realtà è significativamente influenzata da ciò che desideriamo in quel dato momento. Uno studio ha chiesto agli intervistati di riconoscere alcune parole proiettate per una frazione di secondo sullo schermo: porta, torta, corta. Il primo gruppo ha individuato le 3 parole con una frequenza simile: il numero di persone che ha riconosciuto “porta” era più o meno lo stesso di chi ha riconosciuto torta e corta. Il secondo gruppo, invece nell’80% dei casi ha riconosciuto la parola “torta”. Le differenze tra i due gruppi? Il secondo gruppo era a digiuno, il primo aveva appena pranzato.

Anti-bias: non fate troppo affidamento sulle prime informazioni ricevute, rifletti invece su tutte quelle disponibili.

Bias della conferma: tendiamo a cercare e a prendere in considerazione solo notizie o pareri che confermano quello di cui siamo già convinti.

Anti-bias: non considerare le proprie opinioni personali come fatti o realtà assolute, ma solo come ipotesi. Metti sempre in dubbio quello che sai, come diceva Socrate: “chi più sà, più dubita”.

Bias facile e difficile: Si è più fiduciosi nelle situazioni che si ritiengono facili e sfiduciati in quelle difficili. Le nostre prestazioni sono influenzate da quello che pensiamo di noi stessi e delle nostre capacità.

Anti-bias: “che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione” affermava Henry Ford. Rimuovi te stesso dalla situazione prima di affrontarla e immagina cosa diresti ad un amico in quella stessa tua situazione, dopodichè applica il consiglio a te stesso!

Leggi altri articoli nella sezione del sito dedicata alla 

Psicolgia

 

tratto dall’articolo “Perchè prendo decisioni sbagliate” della rivista Vita&Salute
edizione di Febbraio 2016, di Massimo Piovano (esperto di psicologia e comunicazione)


Articoli recenti

Muoversi di più. Una potente medicina

Muoversi di più. Una potente medicina

«Il movimento, qualsiasi tipo di attività si scelga, è una medicina-farmaco incredibile e del tutto naturale. In più, se vengono messi a confronto medicinali ed esercizio si potrà osservare che riescono ad assicurare gli stessi risultati, ci si ammala di meno e camminare è l’approccio più efficace per cominciare»,

Tra evidenze scientifiche e miti

Tra evidenze scientifiche e miti

Dagli inizi degli anni ‘70, la comunità internazionale si è data invece un metodo per stabilire quanto una scoperta sia o meno attendibile, quale importanza gli si possa attribuire. Insomma, un sistema per “pesare” le evidenze scientifiche. Oggi il metodo è accettato universalmente e tende a valutare i fatti e non le opinioni.

Mi metto a correre

Mi metto a correre

Praticare un’attività fisica di movimento è sicuramente fonte di benefici per tutto l’organismo. Cosa preferiscono gli italianiCircolano falsi miti su presunti rischi: ecco cosa dimostra la ricerca. Correre vuol dire imparare ad ascoltarsi, aumentando la consapevolezza sulle proprie condizioni fisiche.

Intuizione o sesto senso?

Intuizione o sesto senso?

Quante volte «sentiamo» che qualcosa, a naso, non ci convince? Oppure troviamo quasi inconsapevolmente la soluzione giusta per un problema che ci assilla? La saggezza popolare parla di sesto senso, la scienza più semplicemente di intuizione.

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This