Una tavola veloce e sana

da | 27 Lug, 2021 | Alimentazione

Il poco tempo a disposizione è spesso la scusa per non organizzare una tavola veloce e sana  ma anche gustosa. Bastano però poche  regole di organizzazione e qualche trucco da applicare nelle ricette per ottenere il risultato desiderato.

Cercate un momento durante la giornata o la settimana per realizzare delle preparazioni di base. Otterrete così una riserva pronta da conservare in frigorifero.

 

I cereali

I cereali sono proprio quelli che fanno al caso nostro. Il chicco intero del cereale ha un valore nutrizionale maggiore rispetto alla pasta tradizionale e un’energia ben diversa. Inoltre, è bene variare il tipo di cereale consumato, sia per l’apporto diverso di nutrienti, sia per prevenire allergie e intolleranze, sempre più diffuse. Per fortuna, i chicchi di orzo, farro, riso, miglio -integrali e meglio se biologici – si possono cuocere in una certa quantità e conservare nel frigorifero in contenitori ermetici. Che utilizzeremo in seguito per zuppe o piatti asciutti, accompagnandoli con verdure e condimenti.

 

I legumi

Sono di grande valore nutrizionale e molto sani. È vero, se secchi richiedono ammollo e a volte lunghi tempi di cottura. Ma se li prepariamo in un momento libero, per esempio la sera o nel fine settimana, li conserviamo poi in frigorifero e possiamo  impiegarli in numerose ricette.

 

Per scoprire come preparare sani e gustosi piatti
a base vegetale visita l’area delle

Ricette

 

Le insalate

Nel clima super fast in cui viviamo, rischiano di essere consumate in modo distratto e poco stuzzicante. Peggio ancora, si scelgono prodotti già imbustati e lavati che perdono molti dei valori nutrizionali oltre che fare un danno
all’ambiente. Possiamo invece acquistare insalate sfuse, fresche, una sola volta a settimana. Non sarà troppo complicato riuscire ad avere a disposizione vari ortaggi e verdure, sempre sufficientemente freschi. Le  mondiamo e laviamo appena comprate, e dopo averle asciugate bene, le conserviamo in modo opportuno: avvolte in un telo e infilate in un sacchetto di plastica lasciato però aperto. In questo modo “respirano” e si evita che marciscano o si asciughino troppo nel frigorifero.

 

Le verdure cotte

Le verdure cotte (eccezione fanno per esempio le patate, da consumarsi entro le 24 ore) si conservano bene in frigorifero per qualche giorno, purché riposte in contenitori chiusi ermeticamente. Si possono utilizzare di volta in volta in modi diversi, per preparare veloci zuppe, per condire cereali, o come contorno. Se temete di non consumare in tempi brevi quanto preparato, potete anche riporlo nel congelatore.

 

I condimenti

Molte ricette a base di salse e sughi possono richiedere tempo per la preparazione. Anche in questo caso il segreto è farsene una scorta per ricorrere a questi prodotti durante la settimana, magari aggiungendo una piccola variante di volta in volta; bastano qualche cappero, oliva o seme oleoso per dare quel qualcosa in più.

 

La frutta secca e oleaginosa

Pratiche e nutrienti, fatene sempre una scorta: uvetta, albicocche, prugne, noci, mandorle, nocciole, ecc. Diventeranno il nostro spuntino sano, nutriente.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche

Cibi crudi. Tutti i benefici

Articoli recenti

Consumo di avocado e grasso addominale

Consumo di avocado e grasso addominale

Secondo un nuovo studio, il consumo giornaliero di avocado riduce leggermente il colesterolo. Ma non ha alcun effetto sul grasso addominale, sul grasso del fegato o sulla circonferenza della vita nelle persone con sovrappeso o obesità.

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Share This