L’aspetto psicologico dell’alimentazione

da | 17 Mar, 2021 | Alimentazione, Psicologia

Di Marco Monti
*Direttore Uoc, Psicologia Ospedaliera,
Dipartimento Oncologico Ospedale Bellaria,
presidente dell’Attivismo Quantico europeo, Bologna

 

Molte diete falliscono, magari dopo un iniziale apparente risultato perché non tengono conto dell’aspetto psicologico dell’alimentazione.
Qualche anno fa uno studio inglese ha evidenziato come il semplice ricorso a farmaci antiobesità abbia uno scarso effetto nella perdita di peso se non viene associato a un percorso psicologico.

 

Sovrappeso e obesità in Italia

Secondo il Rapporto Osservasalute 2018, in Italia più di un terzo della popolazione oltre i 18 anni è in sovrappeso, mentre una persona su dieci è obesa.
Il documento sottolinea come, all’incremento dell’età corrisponda anche un aumento ponderale: il sovrappeso passa dal 14% della fascia tra i 18-24 anni al 46% tra i 65-74 anni; mentre l’obesità passa dal 2% al 15% per le stesse fasce di età. In più, sovrappeso e obesità sono più diffuse tra gli uomini rispetto alle donne.
Siamo quindi di fronte a un problema che da individuale sta diventando sempre più sociale. Diabete, ipertensione, problematiche osteoarticolari, patologie oncologiche e cardiocircolatorie sono le principali patologie associate all’aumento di peso.
Con pesanti ricadute sulla salute e costi non indifferenti anche per la collettività.

 

Evitare gli intrugli miracolosi

Ma dimagrire non è facile. Un aforisma di Mark Twain recita:
“Nel corso degli ultimi quindici giorni sono stato a dieta: quanto ho perso? 15 giorni”.

Spesso molte persone ricorrono a rigide diete, magari vicino all’inizio del periodo estivo. Qualcuno si affida a magiche pillole che promettono risultati immediati inverosimili. Altri ancora acquistano intrugli miracolosi che garantiscono di togliere per sempre i chili di troppo.

A dieta considerando le emozioni

Il cibo non è la semplice somma di carboidrati, proteine, grassi e zuccheri. Esso è da sempre associato indelebilmente con aspetti culturali, sociali e psicologici che lo rendono unico. Considerare una dieta come il semplice bilanciamento di sostanze nutritive è un po’ come di fronte alla maestosità di una cattedrale analizzare unicamente la composizione dei mattoni.
Non è possibile pensare al regime alimentare in termini di semplice somma di nutrienti. Va sempre considerato l’aspetto psicologico dell’alimentazione.

L'aspetto psicologico dell'alimentazione

 

Per approfondire leggi anche Mangio d’istinto

Mangiare non è “fare il pieno”, ma è connesso a un insieme di vissuti che attingono a credenze, valori, emozioni, ricordi.
Proust, nel libro “Alla ricerca del tempo perduto”, descriveva così l’effetto del semplice assaggio di un biscottino:

“Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato senza nozione della sua causa. M’aveva subito reso indifferente alle vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nello stesso modo in cui agisce l’amore, colmandomi di un’essenza preziosa.”

Spesso sovrappeso e obesità sono l’effetto di un disagio psicologico dove il cibo appare come un anestetico del dolore, dell’insoddisfazione, dell’ansia.
Mangiando si nascondono problemi emotivi che si fatica ad affrontare in altra maniera.
È quindi fondamentale intraprendere un regime dietetico sano che tenga conto anche degli aspetti psicologici dell’alimentazione.

L'aspetto psicologico dell'alimentazione

 

Per approfondire leggi anche https://psicoterapiaolistica.it/cibo-psiche-emozioni-piatto

 

Evitare diete troppo severe

Inoltre, è importante evitare soluzioni troppo severe: nella dieta “sette chili in sette giorni” i cibi “proibiti” presto diventeranno irrinunciabili, aprendo la porta a improvvise abbuffate.
È meglio perdere poco in maniera costante, che tanto in poco tempo. Un successo iniziale di una dieta restrittiva crea l’illusione di riuscire a mantenere per sempre il peso desiderato. Quanto più sarà rigida questa aspettativa, tanto più anche piccoli scostamenti dal peso forma saranno vissuti come fonte di intollerabile frustrazione.
Per approfondire: https://www.ciboepsiche.com

Articoli recenti

Il prezzemolo cotto è tossico?

Il prezzemolo cotto è tossico?

“Tradizionalmente foglie, semi e radici sono stati impiegati per il loro effetto antipertensivo, come tonico per rafforzare la vescica, nel trattamento delle epistassi, degli ematomi, delle macchie cutanee per le sue proprietà sbiancanti, dell’alitosi, delle otiti e come emmenagogo per la presenza di sostanze che favoriscono le mestruazioni e alleviano il dolore.

Diana Web – Quali benefici?

Diana Web – Quali benefici?

Oggi tutti vanno nella direzione del cibo industriale, ma il cibo industriale fa male alla salute.
Chi mangia cibo industriale si ammala e muore di più di diabete, di cancro. Noi ti proponiamo di tornare al cibo naturale. Vieni con noi, entra nella community Diana Web riscoprirai la meraviglia del cibo naturale. Mangiamo i cibi e non la trasformazione industriale dei cibi.

Vino che fa dimagrire?

Vino che fa dimagrire?

La lista di benefici attribuita al vino, soprattutto quello rosso, è piuttosto lunga. E dato che i vecchi miti sono duri a morire, ogni tanto qualcuno ricompare: è il caso del suo presunto effetto dimagrante. Gli studi in questione sono vecchiotti, ma tant’è, i loro risultati appaiono come incantevoli sirene per chi vuole dimagrire senza faticare.

Archivi

Categorie

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This