Ginkgo biloba. Come e quando assumerlo

da | 27 Mag, 2021 | Fitoterapia

Scheda botanica

Il ginkgo biloba appartiene alla famiglia delle Ginkgoaceae, e può raggiunge un’altezza di 30-40 m. È resistente al freddo, può vivere fino a -34°C, a siccità, inquinamento e malattie. Viene utilizzato nei parchi e nei viali; le foglie sono a forma di ventaglio, spesso dentate con numerose nervature, di colore verde chiaro, ma prima di cadere, in autunno, diventano giallo-dorate. I semi sono arrivati dalla Cina nel 1727, dove è stato coltivato per secoli.
Viene citato per la prima volta nel 2800 a.C. nella materia medica cinese. I frutti sono carnosi, simili a prugne di colore giallo-verdi, a maturità sono arancio-marrone. È una pianta dioica, cioè maschile e femminile. Fiorisce in primavera.

Proprietà

Il ginkgo migliora la circolazione arteriosa, capillare e venosa. Ha azione vasodilatatrice: aumenta l’irrorazione sanguigna e diminuisce le resistenze periferiche nelle piccole arterie. Apporta un effetto benefico sulle demenze senili come arteriosclerosi e Alzheimer. Diminuisce la permeabilità dei capillari, riducendo l’edema (gonfiore). Tonifica le pareti delle vene, riducendo l’accumulo di sangue e facilitando il riflusso sanguigno.

È indicato in caso di scarsa irrorazione sanguigna cerebrale: vertigini, ronzii, cefalea, perdita di equilibrio, sonnolenza; trombosi, embolie; scarsa irrorazione nelle gambe; malattie del sistema vascolare e disturbi vasomotori (fragilità vascolare, malattia di Raynaud, geloni); varici, flebiti; asma bronchiale.

È controindicato in gravidanza e allattamento, e in bambini che hanno meno di 2 anni; va somministrato con cautela in pazienti che assumono già anticoagulanti, fluidificanti del sangue e antiaggreganti piastrinici, inibitori del Mao e Fans o aspirina. Nel periodo di assunzione, evitare l’esposizione al sole e/o a lampade abbronzanti, perché fotosensibilizzante.

Uso interno
  • Infuso: 50 g di foglie di ginkgo in un l d’acqua. Versare le foglie nell’acqua bollente e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berne 3 tazze al giorno, lontano dai i pasti, per usufruire dell’azione antinfiammatoria a beneficio del sistema circolatorio.
  • Ginkgo biloba T.M.: 30-40 gocce una-tre volte al giorno, lontano dai pasti.
  • Sordità-acufeni: Ginkgo b. T.M.: 50 gocce la mattina; Sorbus domestica MG1DH, 50 gocce la sera. Estratto secco in compresse: 800 mg al mattino.
Uso esterno

Impacchi con lo stesso infuso, ma più concentrato (fino a 100 g per litro). Si applicano sulle mani o sui piedi che soffrono di problemi di circolazione. Cataplasmi di foglie schiacciate: si applicano sulla parte malata.

Nota: indicazioni e dosaggi sono da considerarsi puramente indicativi. Il suo utilizzo deve essere effettuato solo sotto controllo medico.

 

Curiosità

È un albero indistruttibile. Quando nell’agosto del 1945 la bomba atomica trasformò la città di Hiroshima in un cumulo di macerie annerite, un vecchio ginkgo cadde fulminato in quello che una volta era un parco pubblico. L’albero rimase calcinato come il tempio buddista che proteggeva.
La primavera successiva, qualcuno scoprì che una gemma verde spuntava dai resti del ceppo carbonizzato. L’albero rinacque, aprì le braccia, fiorì. E oggi, quel superstite della strage è ancora là, al centro della città ricostruita.

Il Ginkgo  biloba è una conifera originaria della Cina e del Giappone. Tradizionalmente coltivato nei giardini di palazzi e templi cinesi, è considerato albero sacro.
Il nome generico deriva dalla trascrizione non corretta del termine giapponese ginkyo, derivante da quello cinese yin kuo che significa «frutto d’argento» in riferimento all’aspetto del seme, mentre il nome specifico biloba si riferisce alla divisione in due lobi delle foglie, con la caratteristica forma a ventaglio.

Per leggere altri articoli di fitoterapia visita la sezione dedicata del sito Fitoterapia

Articoli recenti

Latte. Fondamentale in menopausa?

Latte. Fondamentale in menopausa?

Molto spesso si rimarca che il latte, grazie al suo elevato contenuto di calcio, è indispensabile in varie fasi della vita: nell’infanzia, per costruire ossa forti; nella terza età, per mantenere un’ossatura sana; e soprattutto nella menopausa, per prevenire l’osteoporosi.

Bevande con stevia: la soluzione all’obesità e al diabete?

Bevande con stevia: la soluzione all’obesità e al diabete?

Da qualche anno il mercato delle bibite si è arricchito di una nuova offerta: bevande e succhi contenenti stevia, una pianta dalle foglie dolcissime e con scarsi effetti collaterali. I nuovi prodotti vantano un bel po’ di zuccheri e calorie in meno rispetto a quelli tradizionali. Ma….

Torniamo a fare il pane in casa

Torniamo a fare il pane in casa

I momenti di pausa possono servire anche a questo: cercare antiche tradizioni che ci rendano più liberi, consapevoli e autosufficienti. E allora torniamo a fare il pane, per sfornare una pagnotta che sa di bellezza.

Cibi crudi. Tutti i benefici.

Cibi crudi. Tutti i benefici.

Ci sono tanti e ottimi motivi per mangiare più spesso cibi crudi: sono ricchi di alcune sostanze preziose per la salute, le quali vengono invece disperse, ridotte o alterate dal calore della cottura.

Raggi solari. Precauzioni e benefici

Raggi solari. Precauzioni e benefici

È abituale la mancata o errata applicazione delle creme solari di cui, spesso, non si leggono neppure gli ingredienti. Quanti sanno che l’applicazione dovrebbe essere ripetuta almeno ogni due ore e dopo il bagno? Quanti sanno che la reidratazione della pelle è d’obbligo per mantenerla elastica ed evitare le spellature

Archivi

Categorie

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This