Cibo sano e longevità

da | 25 Mag, 2021 | Alimentazione

Di Franco Berrino

Il cibo sano, il cibo vero, è un fattore importante di salute e di longevità.
Il Codice europeo contro il cancro raccomanda di mangiare quotidianamente gli ingredienti presenti nella dieta mediterranea tradizionale: cereali integrali, legumi, verdure, frutta, compresa la frutta a guscio e, saltuariamente, pesce azzurro.

Studi su centinaia di migliaia di persone hanno coerentemente mostrato che, a parità di età e di altri fattori che influenzano la mortalità, chi ha questo stile alimentare muore significativamente meno. E non solo di cancro, ma anche di malattie del cuore, dei polmoni, dello stomaco, dell’intestino, e anche di malattie infettive. Quindi c’è un nesso tra cibo sano e longevità.

Le modalità con cui questi cibi vanno assunti riflettono la saggezza tradizionale contadina, che si può racchiudere nel proverbio: “Colazione da re, pranzo da principe, cena da povero”. Purtroppo oggi la cena è diventata l’unica occasione in cui la famiglia si riunisce. A colazione c’è sempre fretta, a pranzo si mangia un panino o in mensa. Finalmente a cena si può mangiare a sazietà e in modo rilassato.

In realtà la cena dovrebbe essere presto e leggera e la colazione del mattino ricca di cibi energetici. In particolare carboidrati a basso indice glicemico, e abbondante. Alla sera, invece, non abbiamo bisogno di carboidrati, perché non saranno spesi in lavoro fisico di notte..

Molti squilibri metabolici, soprattutto la resistenza insulinica, possono essere corretti saltando la cena!
Facciamo in modo di alzarci tutti presto e condividere un’eccellente colazione con pane integrale, olio extravergine d’oliva, frutta a guscio, creme di cereali, muesli, farinata di ceci, composte di frutta, frutta fresca… E con una cena leggera privilegiamo gli aspetti spirituali e le emozioni positive delle relazioni familiari.

Per approfondire il nesso tra malattie e stili di vita sani leggi anche Cancro? E’ solo sfortuna….

Articoli recenti

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Barbabietole rosse con crudità

Barbabietole rosse con crudità

Preparate una salsa stemperando lo yogurt con l’aceto, il sale aromatico e l’aglio.
Lavate le verdure e tagliatele.
Mettete qualche goccia di limone sulle carote perché non anneriscano.
Togliete la buccia alle barbabietole; tagliate una fetta superiore.

Share This