Abbronzatura duratura: come nutrire la tintarella

da | 16 Giu, 2021 | Salute

di Gudrun dalla Via

 

Nutrire la tintarella per avere un’abbronzatura duratura: entro certi limiti è possibile. Pensate a quanto succede quando durante l’inverno si sono assunti degli antibiotici. E’ molto più difficile abbronzarsi nella stagione successiva. Oppure, osservate una pelle secca, trascurata: essa si desquama con estrema facilità, perdendo quindi velocemente l’abbronzatura faticosamente conquistata.

Ecco alcuni consigli utili per mantenerci sani e vitali anche in estate e per avere una pelle con un colorito uniforme, luminoso, di una tonalità piacevole.

Per ricevere altri consigli su
come abbronzarsi mantenendo la pelle in salute leggi anche

Lampade abbronzanti: vale la pena rischiare?

 

Alcune regole fondamentali per un’abbronzatura duratura

  • mantenere un apporto sufficiente e in rapporto corretto di tutte le sostanze nutritive.
  • consumare quotidianemente una buona quantità di vegetali, cioè frutta, verdura ed eventualmente germogli, soprattutto crudi. Quelli colorati, in particolare, sono più ricchi di antiossidanti.
  • fare pasti non eccessivamente complessi e pesanti, osservando le corrette combinazioni alimentari.
  • consumare ogni giorno cereali di buona qualità  (pane, pasta, riso, polenta, farro,orzo, segale, eccetera) prevalentemente integrali, anche per assicurare un sufficiente apporto di fibre.
  • limitare i cibi fritti, i dolciumi, il caffè, le bevande eccitanti e zuccherate.
  • evitare alcol e tabacco.

Regola d’oro: abituare la pelle al sole in maniera moderata e costante

Esponete il corpo il più possibile all’aria e alla luce, anche  nelle altre stagioni.  Non occorre che sia necessariamente il sole.  Fatelo non solo durante i fine settimana ma anche recandovi al lavoro o per le commissioni e nelle pause pranzo. Perfino la passeggiata alla sera è giovevole in quanto costituisce un movimento utile alla circolazione, al mantenimento del peso corporeo e vi espone anche all’aria aperta.

Scopri di più sull’utilizzo delle lampade abbronzanti leggendo:

Lampade abbronzanti: vale la pena rischiare?

Questo articolo è tratto dal mensile Vita&Salute – Numero di giugno 2016

Articoli recenti

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Barbabietole rosse con crudità

Barbabietole rosse con crudità

Preparate una salsa stemperando lo yogurt con l’aceto, il sale aromatico e l’aglio.
Lavate le verdure e tagliatele.
Mettete qualche goccia di limone sulle carote perché non anneriscano.
Togliete la buccia alle barbabietole; tagliate una fetta superiore.

Share This