Raggi solari. Precauzioni e benefici

da | 20 Giu, 2021 | Salute

Di Gudrun Dalla Via

Che cosa non si farebbe per una tintarella «mozzafiato»? C’è chi apre le «danze» già in autunno, con lampade e lettini.Si va dalla mania della tintarella, costi quel che costi, per arrivare all’esposizione fra le 11 e le 15, le ore più deleterie per la pelle. Eppoi, c’è scarsa conoscenza sull’impiego degli schermi solari, delle creme e dei reidratanti post-doccia.
Molti non conoscono i rischi di una cattiva esposizione ai raggi solari.

Il risultato? È abituale la mancata o errata applicazione delle creme solari di cui, spesso, non si leggono neppure gli ingredienti. Quanti sanno che l’applicazione dovrebbe essere ripetuta almeno ogni due ore e dopo il bagno? Quanti sanno che la reidratazione della pelle è d’obbligo per mantenerla elastica ed evitare le spellature?

Eppure, ogni estate, l’Associazione italiana di dermatologia e cosmetologia ricorda che i raggi solari possono  rappresentare uno stress per l’organismo, che si difende, dando il via all’abbronzatura. E forse non tutti sanno che – preferiamo ripeterlo –  proprio per aumentare le difese nei confronti delle radiazioni – la pelle «cambia» colore sotto l’effetto di un pigmento bruno, la melanina, prodotta dai melanociti, cellule presenti nel tessuto cutaneo. In definitiva, più melanina è presente, più si diventa scuri.

raggi solari

Scopri di più sull’utilizzo delle lampade abbronzanti leggendo:

Lampade abbronzanti: vale la pena rischiare?

 

Troppo superficiali

Il peccato più banale che si possa fare, quando si è alla ricerca disperata della tintarella, è quello della superficialità. Tanto per cominciare sarebbe indispensabile essere a conoscenza del proprio fototipo: le caratteristiche della pelle. Subito dopo, occhio al filtro, visto che fra i diversi prodotti solari ci sono delle enormi differenze e quelli biologici sono il top fra la gamma delle creme, perché non contengono sostanze chimiche sospettate di produrre danni al nostro organismo.

Inoltre è altresì essenziale ribadire la differenziazione tra schermi fisici e filtri chimici. I fisici sono sostanze minerali (ossido di zinco, diossido di titanio). Per «schermo» s’intendono tutte quelle sostanze che alzano un’autentica barriera verso le radiazioni, soprattutto Uvb: riflettono le radiazioni nocive. Per quanto riguarda i cosiddetti chimici, invece, sono tutta una serie di sostanze che assorbono energia: consentono una copertura completa dello spettro ultravioletto – Uvb, Uva corti e Uva lunghi –  e, per le loro grandi dimensioni molecolari, si comportano come gli schermi fisici, riflettendo le radiazioni.

 

 

Vuoi sapere di più su come abbronzarti mantenendo la pelle sana?

Leggi anche:

Abbronzatura duratura: come nutrire la tintarella

 

Come scegliere il fattore di protezione più indicato per la propria pelle?

In etichetta è riportato come Spf (Sun Protection Factor): capacità di un protettore solare di bloccare la radiazione del fiammeggiante astro, in particolare quella di tipo Uvb.
In parole povere, Spf è una misura della quota di radiazione che la pelle protetta può ricevere, prima che faccia la sua spiacevole comparsa l’eritema.

L’indicazione è in relazione a fattori come la concentrazione del principio attivo, il tipo di pelle e l’intensità delle radiazioni, che cresce, in modo proporzionale, con l’altitudine sopra il livello del mare. È essenziale che un prodotto conferisca protezione sia nei confronti degli Uvb che degli Uva.
Ma attenzione, un protettore solare non è costituito solo dai suoi principi attivi, ma anche dai cosiddetti eccipienti, dai quali dipendono la diffusione e la permanenza del prodotto sulla pelle, nonché la sua resistenza all’acqua e alla sudorazione.

 

I solari più resistenti

Un’ulteriore considerazione. La resistenza delle creme all’acqua, e di riflesso al sudore,  è un fattore da non trascurare.
Anche in questo caso bisogna osservare bene le diciture che compaiono sui prodotti.

  • Water resistant: l’efficacia della protezione è superiore al 50 per cento anche dopo 2 immersioni in acqua di 20 minuti ognuna.
  • Very water resistant: l’efficacia della protezione è superiore al 50 per cento dopo 4 immersioni in acqua di 20 minuti ognuna.

Come ricorda il professor Mario Cristofolini, grande dermatologo di Trento, primario della Clinica Dermatologica dell’Ospedale di Trento fino a che l’età lo ha mandato in pensione, attualmente responsabile del Centro Studi e Ricerche delle Terme di Comano: «Se presi nel modo giusto e alle giuste dosi, come qualsiasi farmaco, i raggi solari apportano effetti benefici». E infatti l’equilibrata esposizione al sole è una vera e propria strategia di cura.

 

Questo articolo è tratto dal mensile Vita&Salute – Numero di giugno 2016

Articoli recenti

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Barbabietole rosse con crudità

Barbabietole rosse con crudità

Preparate una salsa stemperando lo yogurt con l’aceto, il sale aromatico e l’aglio.
Lavate le verdure e tagliatele.
Mettete qualche goccia di limone sulle carote perché non anneriscano.
Togliete la buccia alle barbabietole; tagliate una fetta superiore.

Share This