Gioco d’azzardo. A rischio giovani e anziani

da | 12 Ago, 2021 | Dipendenze

Di Paola Emilia Cicerone

Motivazioni diverse fungono da stimolo per giocare d’azzardo. Che sia per bisogno di compagnia o per abitudine familiare il risultato non cambia. Il gioco d’azzardo rimane un rischio e una trappola per molti. In particolare per giovani e anziani. 

 

 

Quando famiglia e amici “giocano”. Un rischio per i giovani

E proprio giovani e anziani sono le fasce di età più a rischio. Nonostante la legge vieta il gioco ai minori e stabilisce le distanze delle sale gioco dai luoghi sensibili, tra cui le scuole.

È  vero però che i controlli da parte degli esercenti non sono sempre efficaci, e comunque i ragazzi hanno in ogni caso accesso al gioco on line”, spiega Annalisa Pistuddi, psicoterapeuta e psicoanalista. E spesso crescono in famiglie in cui il gioco è un’abitudine accettata.
“Ci sono i nonni che vanno a comprare il gratta e vinci col nipotino”, prosegue la psicologa. Mentre per i più grandi l’abitudine nasce dalla frequentazione di comitive in cui c’è chi gioca. E la situazione può diventare più pesante nelle famiglie in cui non c’è controllo su quello che fanno i ragazzi, sulle compagnie che frequentano o sul denaro che hanno a disposizione”.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche

Azzardo. segnali d’allarme e prevenzione

 

 

Rete sociale: l’arma per proteggere gli anziani

Gli anziani invece in genere scelgono i giochi più semplici come il gratta e vinci. “A renderli più vulnerabili è il maggior tempo a disposizione e la perdita di ruolo sociale dopo il pensionamento”, spiega Lucchini. Non a caso i soggetti più a rischio sono quelli che non dispongono di un’efficace rete sociale.

“Il gioco è una realtà presente tra gli anziani”, ricorda Pistuddi. “Lo dimostra una ricerca sulla popolazione over 65 promossa nel 2015/2016 dall’Asst Melegnano e Martesana in Lombardia.  “Uno su tre conosce persone che hanno problemi con il gioco”.

E sempre per quanto riguarda gli anziani, tra i soggetti a rischio gli uomini giocano più delle donne. Tendono anche più spesso a nascondere l’entità delle giocate, mentre le donne giocano più di frequente.  “Gli anziani giocano con l’idea di pagarsi qualche confort grazie alle vincite. Peccato che spesso in questo modo finiscono per spendere somme importanti”, spiega la psicoterapeuta. “Lo fanno anche per sentirsi meno soli, per avere un’occasione per uscire di casa”.

 

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche

Azzardo. segnali d’allarme e prevenzione
Issalute: telefono Verde Gioco d’Azzardo (TVNGA)

Articoli recenti

La tiroide. La prevenzione è la chiave di volta

La tiroide. La prevenzione è la chiave di volta

I problemi di questa ghiandola interessano maggiormente le donne e persone in età più avanzata. Ma è la prevenzione la chiave di volta. Con la conoscenza di cibi ad hoc e un’attenzione a riposo ed esercizio fisico.

Covid e glicemia

Covid e glicemia

È ben dimostrato che il Coronavirus Sars-CoV2 infetta gravemente i vecchi (metà dei morti per Covid-19 aveva più di 80 anni), i diabetici (quasi metà dei morti per Covid-19, giovani o vecchi, era diabetico), gli obesi, gli ipertesi e i cardiopatici.È ragionevole ipotizzare, quindi, che livelli alti di glicemia possano essere il fattore che accomuna chi ha queste patologie associate a un maggior rischio di infezione e di morte.

Creiamo gentilezza nel nostro paese

Creiamo gentilezza nel nostro paese

È sufficiente praticare piccoli atti di gentilezza per diminuire l’ansia, migliorare l’autostima, le qualità delle relazioni sociali. E non solo…
È nato il Movimento per l’Italia Gentile. Si propone in concreto di trasmettere questo valore a persone, animali e ambiente. Già trenta Comuni hanno aderito alla proposta.

Ridere è una cosa seria

Ridere è una cosa seria

L’umorismo ci rende più creativi, sviluppando il pensiero laterale: la capacità di trovare soluzioni anche inaspettate. Favorisce l’accettazione di se stessi e degli altri. Sono sempre più numerose le ricerche che confermano come l’umorismo ci possa aiutare nella vita di relazione e sul lavoro, per tenere a bada lo stress e stimolare la creatività.

Share This