Come scegliere l’acqua da bere: breve guida

da | 23 Mar, 2021 | Ambiente

di Paolo Pigozzi

Breve guida su come scegliere l’acqua da bere.
Povera di sodio, ricca di calcio, a elevato contenuto di magnesio: sono tutte caratteristiche dell’acqua (minerale o del rubinetto non fa differenza) che possono avere un qualche effetto sulla nostra salute. Niente di mirabolante, beninteso, a dispetto dell’insistente comunicazione pubblicitaria.
Tuttavia, i minerali sciolti in un bicchiere d’acqua interagiscono indubbiamente con il metabolismo e influenzano il nostro equilibrio vitale.
I dati che analizziamo di seguito li potete trovare sull’etichetta della bottiglia oppure sul siti dell’azienda che distribuisce l’acqua pubblica nel vostro territorio.

Acqua da bere: in bottiglia, filtrata o dal rubinetto?

Come scegliere l’acqua da bere: breve guida

Il residuo fisso esprime la quantità di sali minerali presenti in un litro di acqua fatto evaporare a 180°C. Fino a 200 mg/litro sono acque leggere (oligominerali); tra 200 e 1.000 mg/litro si tratta di acque mediominerali; per valori superiori si chiamano acque ricche di sali minerali.
Occorre non dimenticare che i minerali sono generalmente utili per il metabolismo e per l’organismo tutto (ossa, ma anche cuore, digestione, ecc.). Già dalla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso, studi epidemiologici hanno riscontrato una correlazione inversa tra malattie cardiovascolari e ricchezza di minerali delle acque potabili: più l’acqua era ricca di minerali (soprattutto carbonati e bicarbonati), minore era il rischio cardiovascolare. Risultati confermati anche da ricerche più recenti.

– I bicarbonati sono i sali più alcalini nelle acque da bere. Uno studio pubblicato sulla rivista British Journal of Nutrition ha dimostrato che, dopo un pasto ricco di grassi, i trigliceridi nel sangue di coloro che bevono acque ricche di bicarbonati sono più bassi rispetto a chi, consumando lo stesso pasto, beve acque che contengono meno minerali.

– Il magnesio è un altro elemento indispensabile in quanto entra a far parte dei principali sistemi metabolici. È sempre meno presente negli alimenti, soprattutto se ottenuti con concimazioni chimiche e/o oggetto di raffinazione industriale (cereali). La sua presenza nelle acque potabili integra la quota assunta con il cibo (cereali integrali, legumi, semi oleosi, prodotti marini).

– Il calcio è presente nell’acqua in una forma particolarmente assorbibile, come è testimoniato dalle ricerche del Centro studi e ricerche di medicina termale dell’università di Milano, e non è relazionato con il rischio di formare calcoli renali.

– Il sodio è anch’esso essenziale per l’organismo, ma non deve essere assunto in eccesso. Le acque con basso tenore di sodio (meno di 20 mg/litro) sono particolarmente indicate nell’alimentazione dei neonati e di chi ha patologie renali.

Acqua da bere: in bottiglia, filtrata o dal rubinetto?

Per approfondire leggi anche  Acqua da bere: in bottiglia o dal rubinetto?

 

Le bollicine, pericolo per i denti

“L’acqua gassata con anidride carbonica è dannosa per i denti perché acidifica la bocca”.
Detta così, nuda e cruda, potrebbe sembrare una delle bufale di cui sono purtroppo ricchi i mezzi di comunicazione attuali. In effetti, è difficile dimostrare senza ombra di dubbio che sorbire un bicchiere di acqua arricchita di anidride carbonica (il gas che forma le bollicine) sgretoli i denti.
Tuttavia, alcuni dati potrebbero suggerire un comportamento prudente nell’assunzione di bevande gassate, evitando le esagerazioni.
L’anidride carbonica (CO2), a temperatura e pressione ambiente, è un gas incolore e inodore.
Quando è presente nell’aria a concentrazioni elevate, inizia a reagire con le secrezioni umide della bocca e delle vie respiratorie producendo acido carbonico. È per questo che respirare un’aria particolarmente ricca di CO2 produce un sapore acidulo in bocca e l’irritazione del naso e delle vie respiratorie.

 

Bollicine sì ma con moderazione

È noto che l’acidità della bocca, che sia determinata dall’acido carbonico che si forma nell’acqua gassata per la dissociazione della CO2 oppure prodotta da una alimentazione ricca di zucchero, è dannosa per la struttura dei denti. La saliva è, non per caso, naturalmente alcalina. Tra l’altro, nello scorso dicembre sono stati pubblicati due articoli scientifici (Scientific Reports e Scientific American) che mettevano in relazione l’acidificazione
degli oceani (causata principalmente dall’eccesso di CO2 che vi è disciolta) e l’indebolimento dei
denti e delle scaglie degli squali.
L’acqua frizzante quindi può essere piacevole, ogni tanto, ma probabilmente è preferibile non consumarla sistematicamente.

Per approfondire leggi anche Acqua del rubinetto o acqua in bottiglia?

Articoli recenti

Barbabietole rosse con crudità

Barbabietole rosse con crudità

Preparate una salsa stemperando lo yogurt con l’aceto, il sale aromatico e l’aglio.
Lavate le verdure e tagliatele.
Mettete qualche goccia di limone sulle carote perché non anneriscano.
Togliete la buccia alle barbabietole; tagliate una fetta superiore.

Il tesoro delle api

Il tesoro delle api

Troppo spesso sui giornali generalisti campeggiano strilli tipo: “È imperativo promuovere la qualità dei prodotti apistici e contrastare l’importazione di miele sintetico dalla Cina”. “Il miele è un prodotto taroccato”. “Il miele è pieno di antibiotici”. Notizie che stanno arrecando danno all’immagine del miele e dei prodotti dell’alveare.

Liberarsi dal fumo

Liberarsi dal fumo

I dati non sono rassicuranti. Ogni anno, 80mila fumatori italiani muoiono con 10-12 anni di anti- cipo rispetto a chi non fuma. Un’ecatombe. O forse un olocausto dorato come ebbe a definirlo Robert Proctor, dove c’è chi muore con atroci sofferenze e c’è chi si arricchisce con le loro morti.

Polmoni al centro

Polmoni al centro

Negli ultimi dieci anni il fumo ha causato più morti di quelli che l’Italia ha avuto nella Prima guerra mondiale. Dal momento che muoiono ogni anno tra le 70 e le 80mila persone per questo motivo. Questi numeri, che la comunità scientifica mette a disposizione, dovrebbero aver modificato da tempo comportamenti e politiche sanitarie.

Share This