Bevande con stevia

da | 23 Giu, 2021 | Contrasto Fake News

di Giuliana Lomazzi

Da qualche anno il mercato delle bibite si è arricchito di una nuova offerta: succhi e bevande con stevia, una pianta dalle foglie dolcissime e con scarsi effetti collaterali. I nuovi prodotti vantano un bel po’ di zuccheri e calorie in meno rispetto a quelli tradizionali. Ma…

Questi prodotti, definiti “naturali”, sostituiscono parte degli zuccheri con stevia. Spesso però non troviamo gli estratti puri di stevia, ma un mix di glicosidi steviolici con altri edulcoranti (saccarosio, sciroppo di glucosio-fruttosio, eritritolo, fruttosio…)”, avverte Valentina Rossi, nutrizionista e tossicologa ambientale di Milano.

Per sapere cosa abbiamo fatto finora

nei confronti dei prodotti con zuccheri aggiunti leggi anche

Zucchero Giù

 

Gli edulcoranti di sintesi, tra cui probabilmente anche i glicosidi steviolici, hanno un potere dolcificante molto elevato”, prosegue l’esperta. “Perciò i recettori del gusto dolce, situati nell’intestino, reagiscono spalancando le porte all’assorbimento del glucosio derivante dalla miscela di zuccheri contenuti in queste bevande”. Un’associazione ben poco felice, dunque, con un risultato non augurabile: “Un possibile aumento della glicemia più elevato rispetto all’utilizzo di sola stevia o del comune zucchero da tavola. Rimane poi da valutare se un eccessivo consumo di estratti di stevia possa alterare, come per altri edulcoranti artificiali, la composizione e la funzionalità del microbiota intestinale”.

 

Insomma, così non si risolve certo il problema di obesità e diabete, anzi semmai indirettamente lo si aggrava, sottolinea Rossi.
In definitiva, meglio evitare tout-court i prodotti contenenti zuccheri aggiunti, anche le bevande con stevia e abituarsi piuttosto ai sapori meno dolci.

Vuoi conoscere il parere del Dott. Berrino sugli zuccheri aggiunti e sugli edulcoranti?

Leggi anche

Gli zuccheri sono più pericolosi dei grassi

Articoli recenti

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Barbabietole rosse con crudità

Barbabietole rosse con crudità

Preparate una salsa stemperando lo yogurt con l’aceto, il sale aromatico e l’aglio.
Lavate le verdure e tagliatele.
Mettete qualche goccia di limone sulle carote perché non anneriscano.
Togliete la buccia alle barbabietole; tagliate una fetta superiore.

Share This