Nigella Sativa

da | 15 Apr, 2021 | Fitoterapia

CURIOSITÀ

I primi a scoprire le tante virtù della Nigella furono gli antichi Egizi. A quel tempo, la pianta veniva utilizzata nel processo di mummificazione dei defunti, per garantire una certa cura e conservazione della salma. Pare, infatti, che tracce di nigella siano state ritrovate addirittura nella tomba di Tutankamon.
Le leggendarie regine utilizzavano l’olio essenziale, chiamato appunto olio di Cleopatra e Nefertiti, per le sue proprietà emollienti e nutritive.
La sua efficacia è confermata anche in alcuni scritti ritrovati presso antichi insediamenti arabi.
Alcuni popoli la definivano ‘seme benedetto‘ per le sue proprietà antinfiammatorie e curative. Lo stesso Maometto raccomandava di “utilizzare i semi del ‘grano nero’ poiché essi curano tutte le malattie tranne la morte”. La Nigella è considerata ancora oggi uno dei rimedi fitoterapici più efficaci per il trattamento di diverse patologie.

 

SCHEDA BOTANICA

La Nigella sativa, dal latino nigellus, niger, “nero”, detta anche cumino o grano nero, è una pianta annuale della famiglia delle Ranunculaceae, originaria del sud-ovest asiatico.
La semina avviene a inizio primavera e nel giro di pochi mesi la pianta raggiunge i 30-40 cm di altezza.
Ha una struttura ramificata, con foglie verde scuro e fiori profumati di colore inizialmente bianco che poi virano all’azzurro dopo solo un giorno dalla fioritura.
Una volta appassiti, i fiori della Nigella producono frutti simili a grandi capsule all’interno dei quali si trovano i semi neri. La maturazione dei baccelli determina la morte della pianta che completa così il suo ciclo dopo alcuni mesi dalla loro comparsa. La pianta si coltiva anche a scopo decorativo per i suoi coreografici fiori.

 

PROPRIETÀ

Dai semi di nigella si estrae il prezioso olio essenziale.
Il seme ha proprietà carminative, diuretiche, emmenagoghe e galattogene. Si impiega nelle forme allergiche come antistaminico e nella cefalea.
L’olio essenziale ha proprietà antibiotiche, antinfiammatorie e antibatteriche. Un ottimo rimedio anticellulite e drenante, poiché aiuta a rimuovere le tossine e i liquidi contenuti nei tessuti adiposi.
Le sue proprietà sedative, rigeneranti e calmanti migliorano l’aspetto delle pelli secche, irritate o provate dall’inquinamento atmosferico, e dei capelli.
La nigella svolge una profonda azione: antibatterica, contrasta le infezioni di origine virale che colpiscono le vie aeree.
E’ antinfiammatoria e analgesica.
Ipotensiva, grazie alla presenza di prostaglandine è in grado di abbassare la pressione sanguigna e favorire la vasodilatazione; antispasmodica, mitiga le irritazioni della gola e calma la tosse.

 

UTILIZZO

Le donne in gravidanza, specie nei primi mesi di gestazione, non devono assumere gli estratti di nigella o utilizzarne l’olio, poiché i principi attivi in essa contenuti possono provocare contrazioni uterine.

 

  • Per i capelli. La sua efficacia in campo tricologico è provata: l’uso regolare di questo olio è in grado di stimolare i follicoli capillari e prevenire la caduta dei capelli. Frizioni sul cuoio mixato con aceto di mele e acqua (3 gocce). Massaggiato dopo lo sciampo sui capelli umidi, stimola l’ossigenazione e la microcircolazione.

 

  • Massaggio sedativo contro la tosse direttamente sui bronchi fino a completo assorbimento (2 gocce di olio essenziale). Diffusione con bruciatore di essenze per purificare l’ambiente (5 gocce).

 

  • In cucina. Il seme viene utilizzato come spezia nella preparazione di liquori, caramelle e dolci; per insaporire e ricoprire particolari tipi di pane e nelle insalate. L’olio è usato come integratore dietetico e può essere consumato anche sul pane.

 

  • Infuso: 1 cucchiaino di semi in una tazza d’acqua: assumere durante la giornata. Nigella sativa TM: 30 gocce tre volte al giorno.

 

  • Per la Cefalea: Nigella sativa TM e Crysanthemum p.TM, in parti uguali, 30 gocce tre volte al giorno; al bisogno: 15 gocce ai primi sintomi, più volte al giorno.

Note: indicazioni e dosaggi sono da considerarsi puramente indicativi. Il suo utilizzo deve esser effettuato solo sotto controllo medico.

Articoli recenti

Consumo di avocado e grasso addominale

Consumo di avocado e grasso addominale

Secondo un nuovo studio, il consumo giornaliero di avocado riduce leggermente il colesterolo. Ma non ha alcun effetto sul grasso addominale, sul grasso del fegato o sulla circonferenza della vita nelle persone con sovrappeso o obesità.

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Share This