Latte e menopausa

da | 24 Giu, 2021 | Contrasto Fake News

di Giuliana Lomazzi

“Il latte è indispensabile in menopausa per prevenire l’osteoporosi”. Non sembrano pensarla così gli ultimi studi.

Molto spesso si rimarca che il latte, grazie al suo elevato contenuto di calcio, è indispensabile in varie fasi della vita: nell’infanzia, per costruire ossa forti; nella terza età, per mantenere un’ossatura sana; e soprattutto nella menopausa, per prevenire l’osteoporosi.

Correlazione latte-osteoporosi. Lo studio svedese

Al contrario, sempre nuovi studi mostrano una realtà molto diversa. “Uno studio svedese di tipo osservazionale durato 20 anni, apparso nel 2010 sul British Medical Journal, ha permesso di registrare 22.000 decessi e fratture ossee, con una netta prevalenza tra le donne”, avverte la biologa nutrizionista Antonella Catenacci di Avigliano (PZ), esperta di nutrizione oncologica. Questi dati hanno spinto gli autori della ricerca a escludere un ruolo protettivo nei confronti delle fratture.

Il fatto è che il calcio, nonostante sia effettivamente presente, non viene fissato adeguatamente nelle ossa. “In realtà si ha un depauperamento dei depositi di questo minerale, perché il latte crea un ambiente acido che porta alla perdita di calcio nelle ossa. Inoltre, secondo le evidenze ricavate da studi su animali, lattosio e galattosio sarebbero i responsabili della veloce accelerazione dei meccanismi di senescenza”, prosegue l’esperta.

“Meglio dunque ridurre al minimo il consumo di latte”, avverte la biologa,

“non più di 2-3 volte alla settimana”.

 

 

Dove fare rifornimento di calcio?

Per non restare senza questo prezioso minerale si può puntare proficuamente sui cibi vegetali.

  • vegetali a foglia verde, che contengono anche vitamina K, anch’essa importante per le ossa,
  • cavoli, che secondo uno studio consentono un assorbimento ottimale del calcio, grazie alla sinergia dei minerali contenuti,
  • alghe,
  • fagioli,
  • semi di sesamo.

Non meno importante è lo stile di vita: no a fumo e ad alcol, sì ad attività fisica commisurata in base alle proprie capacità e a una cauta esposizione al sole per assorbire la vitamina D.

Sapevi che l’osteoporosi si previene anche con l’esercizio fisico?

Scopri di più nell’articolo

Attività fisica da prescrivere

Articoli recenti

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Barbabietole rosse con crudità

Barbabietole rosse con crudità

Preparate una salsa stemperando lo yogurt con l’aceto, il sale aromatico e l’aglio.
Lavate le verdure e tagliatele.
Mettete qualche goccia di limone sulle carote perché non anneriscano.
Togliete la buccia alle barbabietole; tagliate una fetta superiore.

Share This