Andrea Scanzi: l’obeso come icona della nostra società

da | 26 Gen, 2018 | Interviste

Tra le passioni di Andrea Scanzi c’è anche la musica e tra i vari autori che ama,  Giorgio Gaber (cui ha dedicato un suo tour teatrale, ndr) che nel 2001 scrisse una canzone, L’obeso, che a un certo punto recita: “…l’obeso è una presenza a tutto tondo, è il simbolo del mondo”.

Insomma, l’obeso come icona di una voracità consumistica, che divora ogni cosa. E che alla fine porta dove? “L’obeso è un brano che cito da sei anni nel mio spettacolo Gaber se fosse Gaber. Canzone incredibile: siamo davvero tutti obesi e ‘l’obeso è un Leopardi americano’. L’uomo contemporaneo rischia di essere un animale pieno di nulla e grasso di vuoto. Un contenitore abnorme dentro il quale non c’è niente, mosso da una voracità nervosa e senza logica. L’uomo di oggi mangia, tanto e male, perché mangiare gli dà l’illusione di poter dimenticare dolori e frustrazioni”.

Visto che ci avviciniamo alle elezioni politiche, che cosa chiederebbe a un nuovo ipotetico governo, tra le tante cose da fare, come contributo al miglioramento del benessere dei cittadini? “Non ho alcuna fiducia nella politica, men che meno italica, e i politici non hanno alcun interesse verso l’informazione alimentare e la salute dei cittadini. Le prime cose sarebbero affrontare l’abominio degli allevamenti intensivi, insegnare la cultura alimentare a scuola e scrivere gli ingredienti (veri) su tutto ciò che mangiamo e beviamo. Vino compreso. Se tanta gente sapesse cosa beve veramente, diventerebbe astemia seduta stante: così, per rappresaglia”.

Il suo ultimo spettacolo teatrale si intitola Eroi. Chi sono per lei gli eroi e di quali eroi – se proprio non ne possiamo fare a meno – avremmo bisogno? “Gli eroi di oggi sono quelli che riescono a essere onesti con se stessi. Sono i disoccupati che resistono. I senzatetto. Sono i magistrati in trincea. Gli eroi di oggi sono quelli che non hanno come prima ambizione l’esser servi per avere successo o anche solo per una briciola di potere. Sono quelli che rischiano, quelli che non si nascondono. Gli eroi veri sono una razza in estinzione”.

In sintesi

Dal libro al palco

Andrea Scanzi è nato ad Arezzo nel 1974 ed è un giornalista, saggista, scrittore. Negli anni ha scritto per diverse testate giornalistiche, tra cui Il Manifesto, L’Espresso, La Stampa e attualmente è una delle firme de Il Fatto Quotidiano. È anche conduttore e volto noto della tv, nonché autore e interprete teatrale. Ha scritto sette spettacoli. Ha pubblicato il bestseller Elogio dell’invecchiamento (Oscar Mondadori) e, per Rizzoli, Non è tempo per noi, La vita è un ballo fuori tempo e I migliori di noi. Di recente ha pubblicato il saggio Renzusconi (che nel frattempo è diventato anche un nuovo spettacolo teatrale), per Paper First, ed è sempre in tournée con lo spettacolo Eroi, in cui descrive i profili di grandi campioni sportivi, accomunati da grandezze, come da sfortunate e tragiche vicende esistenziali.

di Ennio Battista

Leggi il pezzo precedente!

Sostieni la Salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione. Scopri come puoi aiutarci.pulsante-dona-ora

Articoli recenti

Consumo di avocado e grasso addominale

Consumo di avocado e grasso addominale

Secondo un nuovo studio, il consumo giornaliero di avocado riduce leggermente il colesterolo. Ma non ha alcun effetto sul grasso addominale, sul grasso del fegato o sulla circonferenza della vita nelle persone con sovrappeso o obesità.

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Share This