Cosmesi naturale. Idee green

da | 8 Giu, 2021 | Ambiente

di Lucia Cuffaro

 Idee per una cosmesi naturale

 

Alla domanda “Ti sei mai spalmato petrolio sulla pelle?” chiunque risponderebbe con un secco “No!”.
Eppure, la maggior parte delle persone lo fa tutti i giorni, anche solo utilizzando una crema corpo o un bagnoschiuma. Gli slogan pubblicitari sui cosmetici sono infatti invitanti e promettono sempre risultati miracolosi, per pelli setose come la Venere di Milo.

 

Ma è davvero così? Per analizzare l’etichetta di un prodotto per la cura del corpo si parte dal cosiddetto Inci (International nomenclature of cosmetic ingredients), che contiene gli ingredienti posti in ordine decrescente, come da art. 19 Regolamento Ce n. 1223/2009.
Sostanze dai nomi impronunciabili, stampate sulle confezioni con microscopici caratteri che sfidano anche gli occhi più agili.
Onnipresenti sono i petrolati, che derivano dalla raffinazione del greggio. Ma non sono le uniche materie di sintesi: in un prodotto possono esserci anche 60 ingredienti creati in laboratorio e solo l’1% di veri nutrienti. Quindi, è importante tenere sotto controllo le composizioni con indicazione di tossicità o allergizzanti, se presenti in grandi quantità, o se vengono stese sull’epidermide tutti i giorni.

Per essere sicuri di quello che ci si spalma sulla protezione più importante del corpo, la pelle, una buona possibilità è data dall’autoproduzione  di una cosmesi naturale. Largo quindi a prodotti fai da te, da realizzare con poca spesa e tanta soddisfazione. Vediamo qualche esempio.

cosmesi naturale

 

Per un’igiene personale zero waste leggi anche

 

The best waste is not waste 

 

Siero viso antiage

All’interno di una bottiglietta di vetro scuro si miscelano 2 cucchiai di olio di germe di grano, 2 cucchiai di gel di aloe vera, entrambi antiossidanti e arricchenti, e 1 cucchiaio di olio di Rosa mosqueta, che stimola il rinnovamento cellulare e contrasta il foto-invecchiamento. Dopo aver agitato il siero, lo si applica su viso e decolté con movimenti circolari e picchiettii delicati, fino al completo assorbimento. Dura tre mesi.

Crema mani screpolate

Se il problema è quello delle mani che tendono a screpolarsi facilmente, ecco una ricetta facile da preparare in pochi minuti. All’interno di un barattolino di vetro si amalgama 1 cucchiaio di burro di karité, dalle proprietà elasticizzanti e lenitive, 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, che ne aumenta l’azione idratante e 2 cucchiai di gel d’aloe vera, indicato per cicatrizzare le eventuali screpolature. Basta massaggiare una noce
di questa crema su palmi, dita e dorsi per ottenere un immediato benessere. La conservazione è di quattro mesi circa.

Burrocacao

Per ottenere labbra setose e nutrite basta impastare 1 cucchiaino di burro di karité con 2 cucchiaini di olio di mandorle, l’idratante naturale che dona morbidezza. Si trasferisce poi il composto in un piccolo contenitore a chiusura ermetica, da portare sempre con sé in borsa o nello zaino, per labbra al bacio! La durata è di tre mesi.

 

Per approfondire il tema della cosmesi naturale leggi anche

The best waste is not waste

 

*Presidente del Movimento per la decrescita felice,
scrittrice e conduttrice della rubrica televisiva
“Chi fa da sé” di Unomattinain Famiglia (Raiuno)

Questo articolo è tratto da Vita&Salute marzo 2020

Articoli recenti

Consumo di avocado e grasso addominale

Consumo di avocado e grasso addominale

Secondo un nuovo studio, il consumo giornaliero di avocado riduce leggermente il colesterolo. Ma non ha alcun effetto sul grasso addominale, sul grasso del fegato o sulla circonferenza della vita nelle persone con sovrappeso o obesità.

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Share This