Non solo Coronavirus. Non si può escludere il rischio di attivare nuove ondate di malattie infettive Per ridurre queste possibilità occorre promuovere un’agricoltura animale non intensiva. Fondamentale anche modificare il nostro modo di mangiare

L'accesso è consentito solo a chi è iscritto alla newsletter

Share This