Tisane dagli effetti portentosi?

da | 30 Mag, 2016 | Antibufale

A proposito di tisane, sul web si legge tutto e il contrario di tutto. Stiamo dunque parlando di innocenti preparati “della nonna” o di bevande che possono indurre effetti indesiderati? E quando una tisana ha davvero benefici?

Diciamolo subito: le tisane serie, con effetti terapeutici riconosciuti dagli studi scientifici, non sono quei blandi sacchettini del supermercato ma rimedi fitoterapici preparati da uno specialista (un erborista qualificato, un medico o un farmacista con conoscenze specifiche). Questi, assunti secondo determinate modalità e non bevuti una tantum, possono contribuire efficacemente al benessere psicofisico. Ma gli effetti collaterali? “Il Ministero della Salute ha emanato due elenchi di erbe:

  • il primo contiene tutte quelle piante o parti di piante il cui uso è sicuro;
  • il secondo vegetali tossici (cioè che possono danneggiare a dosi moderate ma senza uccidere) o velenosi”

esordisce Luigi Giannelli, erborista e specialista in cosmetologia, chimico e tecnologo farmaceutico, autore di varie pubblicazioni. Entrambi gli elenchi vengono costantemente verificati e nel caso aggiornati. “Le tisane preparate con piante ammesse dal Ministero sono fondamentalmente sicure, sempre che siano formulate da un esperto e assunte secondo le sue indicazioni”.

Tutto va contestualizzato, avverte Giannelli. Anche piante innocue a uso alimentare possono essere nocive se usate in modo incongruo: è il caso dello zafferano, che si rivela tossico arrivando all’elevato dosaggio di 5-10 g (una bustina per il risotto pesa in genere 0,25 g), o perfino dell’innocente lattuga, che contiene tracce di alcaloidi morfinosimili – ma per subirne le conseguenze bisognerebbe fare una vera e propria indigestione di insalata! In campo erboristico, un buon esempio è offerto dal kava kava, una pianta affine al pepe nero: in Europa è stata bloccata per gli effetti collaterali, in realtà causati dal metodo di estrazione con soluzione idroalcolica che favoriva un’eccessiva concentrazione di principi attivi. “Nelle aree di origine della pianta il problema non si presentava perché si usavano decotti che non estraggono tutto”, spiega l’erborista. “Infatti le tisane sono solo estrazioni acquose incapaci di concentrare troppi principi pericolosi”.

Ovviamente è importante non raccogliere le erbe da sé ma acquistarle in negozi specializzati e rispettare i dosaggi, benché con i vegetali riconosciuti dal Ministero non si corrano grossi rischi. “Al massimo si può avere una diarrea iniziando con alte dosi una cura contro la stitichezza a base di droghe contenenti antrachinoni”, conclude Giannelli. Insomma tisane sì, ma con buon senso e cognizione di causa.

di Giuliana Lomazzi

Sostieni la Salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione. Scopri come puoi aiutarci.pulsante-dona-ora

Articoli recenti

La frutta fresca contiene tutte le vitamine?

La frutta fresca contiene tutte le vitamine?

La tradizione popolare afferma perentoria che tutta la frutta fresca contiene tutte le vitamine e che ogni singola vitamina possa essere ritrovata proprio nella frutta fresca. È falso e pericoloso quando queste credenze si trasformano in miti alimentari.

Palline di polenta al formaggio

Palline di polenta al formaggio

Mescolate la polenta con la maggiorana. Prelevatene un pezzo grande come una pallina, lavoratelo tra le mani per arrotondarlo e infilateci un po’ di formaggio.

Dieta del gruppo sanguigno

Dieta del gruppo sanguigno

Uno degli argomenti più gettonati, è quello della dieta del gruppo sanguigno. E’ una dieta ad hoc – ma solo apparentemente – per ciascuno dei quattro gruppi sanguigni conosciuti. Gli alimenti sono distinti in benefici, neutri e nocivi per ciascun gruppo.

Esercizio fisico moderato: guida

Esercizio fisico moderato: guida

Per trarre i massimi vantaggi per il nostro sistema immunitario dall’esercizio fisico è necessario seguire alcune regole.
Adottate un programma di allenamento regolare commisurato al sesso, all’età, alle proprie caratteristiche fisiche e al livello atletico individuale.

Nigella Sativa

Nigella Sativa

Alcuni popoli la definivano ‘seme benedetto‘ per le sue proprietà antinfiammatorie e curative. La Nigella è considerata ancora oggi uno dei rimedi fitoterapici più efficaci per il trattamento di diverse patologie.

Archivi

Categorie

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This