È partito Solidarietà in Salute. Jesi è la prima città coinvolta.

da | 2 Feb, 2017 | Progetto Solidarietà Salute

“Solidarietà in Salute” è iniziato ufficialmente il 14 gennaio 2017 presso la Sala maggiore del centralissimo Palazzo dei Convegni del Comune di Jesi.

Si tratta di un progetto rivolto alle fasce deboli della popolazione, che ha l’obiettivo di affiancare alla distribuzione alimentare la prevenzione della salute delle persone e delle famiglie destinatarie di tale distribuzione.

Nasce dalla collaborazione di due organizzazioni impegnate su 2 fronti diversi ma paralleli: ADRA Italia (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso), impegnata da oltre dieci anni nel sostegno alle fasce meno abbienti del tessuto sociale, e la Fondazione Vita e Salute, che da più di trent’anni si occupa di informare e sensibilizzare le persone sull’importanza di adottare una corretta alimentazione ed uno stile di vita sano.

L’evento, promosso e patrocinato dal Comune, ha coinvolto una cinquantina di persone che hanno ricevuto un check-up gratuito con misurazione di glicemia, colesterolemia, pressione e picco di flusso.

Due sono i dati principali emersi dalle rilevazioni fatte ai presenti:

  • il 25% ha i valori di glicemia e colesterolemia fuori norma, un dato influenzato dalla qualità dell’alimentazione e che, se sottovalutato, può condurre a obesità, diabete e sindrome metabolica.
  • circa il 50% ha riportato valori fuori norma, nella misurazione del picco di flusso. I principali fattori che possono determinare questo risultato sono tabagismo e insufficiente esercizio fisico.

Ventuno, invece, i volontari impegnati in questa iniziativa. “Tra di essi c’era la dott.ssa Francesca Romeo, psicologa esterna e formatrice dei volontari ADRA, che ha dato il suo contributo affiancando il nostro medico e potendo così fornire un supporto a 360 gradi”– ha affermato Monia Ciccarelli, di ADRA Jesi. “Nonostante l’influenza, il gran freddo e la neve – ha aggiunto la Ciccarelli – i partecipanti si sono detti entusiasti”.

Articoli recenti

Muoversi di più. Una potente medicina

Muoversi di più. Una potente medicina

«Il movimento, qualsiasi tipo di attività si scelga, è una medicina-farmaco incredibile e del tutto naturale. In più, se vengono messi a confronto medicinali ed esercizio si potrà osservare che riescono ad assicurare gli stessi risultati, ci si ammala di meno e camminare è l’approccio più efficace per cominciare»,

Tra evidenze scientifiche e miti

Tra evidenze scientifiche e miti

Dagli inizi degli anni ‘70, la comunità internazionale si è data invece un metodo per stabilire quanto una scoperta sia o meno attendibile, quale importanza gli si possa attribuire. Insomma, un sistema per “pesare” le evidenze scientifiche. Oggi il metodo è accettato universalmente e tende a valutare i fatti e non le opinioni.

Mi metto a correre

Mi metto a correre

Praticare un’attività fisica di movimento è sicuramente fonte di benefici per tutto l’organismo. Cosa preferiscono gli italianiCircolano falsi miti su presunti rischi: ecco cosa dimostra la ricerca. Correre vuol dire imparare ad ascoltarsi, aumentando la consapevolezza sulle proprie condizioni fisiche.

Intuizione o sesto senso?

Intuizione o sesto senso?

Quante volte «sentiamo» che qualcosa, a naso, non ci convince? Oppure troviamo quasi inconsapevolmente la soluzione giusta per un problema che ci assilla? La saggezza popolare parla di sesto senso, la scienza più semplicemente di intuizione.

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This