Il mito del ferro e della carne

da | 18 Ott, 2016 | Alimentazione, Contrasto Fake News

“Niente carne, poco ferro nel sangue!”

Si sente spesso dire che i vegetariani, e ancor di più i vegani, rischiano la carenza di ferro perché nelle loro diete non compare la carne. Ma le cose non stanno esattamente così.

Come prevenire una carenza di ferro o porvi rimedio? La soluzione che viene più spesso proposta è: mangiare carne rossa. Tutto deriva dal fatto che ci sono due tipi di ferro:

  • quello eme, presente nei prodotti animali;
  • quello non eme, che si trova nei vegetali.

Si ritiene che il primo sia più facilmente assimilabile del secondo e quindi preferibile per evitare il rischio di anemia (che, per altro, può interessare anche i carnivori).

Il ferro migliore..

È vero che il ferro eme ha il vantaggio di essere subito disponibile”, spiega il noto oncologo Umberto Veronesi. “Ma l’effetto è dirompente, forse troppo rispetto ai tempi e modi di assimilazione del corpo umano”. Contrariamente a quanto ritenuto comunemente, per la scienza non è questo il ferro migliore. “Gli scienziati sono concordi nell’affermare che il miglior ferro possibile è presente nel mondo vegetale, nelle foglie verdi, nel succo fresco di carote, nei complessi multicereali come il muesli”, prosegue l’oncologo.

Come assimilarlo

Ma come la mettiamo con il ferro non eme, di più difficile assimilazione? “La carenza di ferro è provocata soprattutto da scarsa capacità dell’organismo di assimilarlo”, tranquillizza Veronesi. Per non farselo mancare, l’esperto raccomanda di inserire nella dieta rame, cobalto, manganese, vitamine C ed E, tutti nutrienti ben rappresentati nel mondo vegetale (legumi, semi oleosi, verdure a foglia, ortaggi, frutta fresca, cereali integrali…). Insomma, occorre seguire una dieta variata e bilanciata, ricca di vegetali.

Di grande aiuto è anche una bella spruzzata di succo di limone sulle verdure, soprattutto quelle più ricche di ferro: la vitamina C dell’agrume faciliterà l’assorbimento del minerale, il tutto senza gli effetti collaterali del ferro eme che, ossidandosi rapidamente, con il tempo può predisporre a tumori e altre malattie.

Le citazioni sono tratte dall’opuscolo Vegetarianismo: una scelta etica, di salute e di gusto, con testi del prof. Veronesi, pubblicato dalla Fondazione Umberto Veronesi.

Sostieni la Salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione. Scopri come puoi aiutarci.pulsante-dona-ora

Articoli recenti

Il prezzemolo cotto è tossico?

Il prezzemolo cotto è tossico?

“Tradizionalmente foglie, semi e radici sono stati impiegati per il loro effetto antipertensivo, come tonico per rafforzare la vescica, nel trattamento delle epistassi, degli ematomi, delle macchie cutanee per le sue proprietà sbiancanti, dell’alitosi, delle otiti e come emmenagogo per la presenza di sostanze che favoriscono le mestruazioni e alleviano il dolore.

Diana Web – Quali benefici?

Diana Web – Quali benefici?

Oggi tutti vanno nella direzione del cibo industriale, ma il cibo industriale fa male alla salute.
Chi mangia cibo industriale si ammala e muore di più di diabete, di cancro. Noi ti proponiamo di tornare al cibo naturale. Vieni con noi, entra nella community Diana Web riscoprirai la meraviglia del cibo naturale. Mangiamo i cibi e non la trasformazione industriale dei cibi.

Vino che fa dimagrire?

Vino che fa dimagrire?

La lista di benefici attribuita al vino, soprattutto quello rosso, è piuttosto lunga. E dato che i vecchi miti sono duri a morire, ogni tanto qualcuno ricompare: è il caso del suo presunto effetto dimagrante. Gli studi in questione sono vecchiotti, ma tant’è, i loro risultati appaiono come incantevoli sirene per chi vuole dimagrire senza faticare.

Archivi

Categorie

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This