La mela e i suoi benefici

da | 9 Feb, 2016 | Alimentazione

La mela è considerata la regina della frutta, per le sue proprietà medicinali, culinarie e di accostarsi a praticamente qualunque cibo.

E’ un anti-diarroico, lassativo, diuretico, depurativo, riduce il livello di lipidi nel sangue, tonificante nervoso, alcalinizzante e antiossidante.

La sua composizione è per il 12,6% di zuccheri (principalmente fruttosio, poi glucosio e saccarosio), per un totale di 59 calorie per 100g. Contiene poi piccole quantità di proteine e grassi, vitamine E e C nonchè potassio (dall’azione ipotensiva) e ferro. Tra gli altri componenti si rilevano:

  • Pectina: carboidrato complesso non assorbibile dall’intestino che rappresenta la buona parte delle fibre della mela. Solo il 20% della pectina è contenuta nella buccia, si consiglia quindi di sbucciarla se mangiata cruda, per evitare di assumere residui di pesticidi, essendo inoltre poco digeribile. La pectina ha la particolarità di trattenere l’acqua e diverse sostanze di scarto favorendo l’eliminazione delle tossine e dei batteri responsabili di colite e gastroenterite con le feci.
  • Acidi organici: rappresentano dall1% all’1,5% del peso, in prevalenza acido malico, seguito da acido citrico, succinico, lattico e salicilico. Questi acidi quando metabolizzati producono un effetto antiacido (alcalinizzante) del sangue e dei tessuti. Fungono da antisettici e ristabiliscono inoltre la flora intestinale.
  • Tannini: sostanze astringenti e antinfiammatorie. La mela (dopo le cotogne) è il frutto che ne contiene di più.
  • Flavonoidi: evitano che il colesterolo si accumuli, bloccando l’arterosclerosi. Tra i più importanti ricordiamo la quercetina dall’azione antiossidante (la mela insieme alle cipolle è l’alimento vegetale che ne contiene di più)

Proprietà eccezionali dunque, corredate da altre fattualità altrettanto positive: le mele sono molto ben tollerate dai diabetici, grazie alla ottima quantità di fruttosio (assimilabile senza insulina) e di pectina che ne regola l’assorbimento. Infine ricerche condotte nell’Università di Tolosa (Francia) dimostrano che le mele hanno un effetto coleretico (stimolano la produzione della bile) che decongestionano il fegato e fluidificano la bile prevenendo la formazione di calcoli biliari. Raccomandare le mele ai pazienti a rischio di colelitiasi (donne dai 40 ai 50 anni con più di due figli) e a coloro che si sono appena sottoposti a intervento chirurgico.

tratto dall’articolo “Una mela al giorno toglie (qualche) disturbo di torno” della rivista Vita&Salute edizione di Febbraio 2016, di Jorge Pamplona


 

Sostieni la Salute attraverso l’attività di sensibilizzazione e informazione. Scopri come puoi aiutarci.pulsante-dona-ora


 

Articoli recenti

La frutta fresca contiene tutte le vitamine?

La frutta fresca contiene tutte le vitamine?

La tradizione popolare afferma perentoria che tutta la frutta fresca contiene tutte le vitamine e che ogni singola vitamina possa essere ritrovata proprio nella frutta fresca. È falso e pericoloso quando queste credenze si trasformano in miti alimentari.

Palline di polenta al formaggio

Palline di polenta al formaggio

Mescolate la polenta con la maggiorana. Prelevatene un pezzo grande come una pallina, lavoratelo tra le mani per arrotondarlo e infilateci un po’ di formaggio.

Dieta del gruppo sanguigno

Dieta del gruppo sanguigno

Uno degli argomenti più gettonati, è quello della dieta del gruppo sanguigno. E’ una dieta ad hoc – ma solo apparentemente – per ciascuno dei quattro gruppi sanguigni conosciuti. Gli alimenti sono distinti in benefici, neutri e nocivi per ciascun gruppo.

Esercizio fisico moderato: guida

Esercizio fisico moderato: guida

Per trarre i massimi vantaggi per il nostro sistema immunitario dall’esercizio fisico è necessario seguire alcune regole.
Adottate un programma di allenamento regolare commisurato al sesso, all’età, alle proprie caratteristiche fisiche e al livello atletico individuale.

Nigella Sativa

Nigella Sativa

Alcuni popoli la definivano ‘seme benedetto‘ per le sue proprietà antinfiammatorie e curative. La Nigella è considerata ancora oggi uno dei rimedi fitoterapici più efficaci per il trattamento di diverse patologie.

Archivi

Categorie

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This