GLI ECCESSI DELL’ACQUA

da | 10 Lug, 2013 | Inchieste

Di sicuro dobbiamo berne ogni giorno. E in estate poi, aumenta il suo fabbisogno. Ma tra gli esperti c’è chi mette sull’avviso da facili certezze sui pro e contro della regina delle bevande

Uffa che caldo! E una gran sete, da spegnere a tutti i costi. Che fare? I nutrizionisti ci dicono che meglio sarebbe placare la voglia di liquidi con l’acqua, il liquido di certo più naturale e fisiologico in tutte le stagioni.
«Si tratta di un elemento insostituibile per l’organismo perché la quota di acqua normalmente prodotta (acqua metabolica) non riesce a coprire i fabbisogni quotidiani. Il corpo, infatti, è composto in gran parte di acqua (circa il 75 per cento nel neonato e il 60 per cento nell’adulto) e la sua perdita eccessiva scatena non pochi disturbi capaci di incedere addirittura sulla salute. E badate non solo sotto il solleone o quando si fa sport, l’acqua è indispensabile dall’autunno all’estate», sottolinea il professor Pier Luigi Rossi, noto e storico esperto in scienza dell’alimentazione e docente di nutrizione clinica all’università di Bologna.
Ma quanta berne? «In condizioni di normalità, e di temperature non elevate, un adulto ne dovrebbe consumare circa 2 litri il giorno e se sudiamo molto ne occorre anche di più. In estate, poi, l’organismo si trasforma in pompiere e con l’acqua tenta di spegnere il calore che lo assedia. La parola d’ordine? Bere a volontà, secondo le esigenze, per reintegrare i preziosi sali minerali dispersi appunto con il sudore. C’è anche da dire che consumando giornalmente 5 razioni di frutta e verdura  introduciamo anche l’acqua fisiologica degli alimenti e che non c’è una quota d’acqua standard per tutti, visto che occorre tener conto della stagione e delle caratteristiche individuali», puntualizza il  professor Lucio Lucchin, primario, servizio di dietetica e nutrizione clinica, ospedale di Bolzano.

A tutti i costi…
Dunque, sia il professor Rossi che il professor Lucchin stigmatizzano gli asserti pseudoscientifici secondo i quali più acqua s’ingurgita, più ci si depura, più si smaltiscono i liquidi in eccesso, più s’idrata la pelle e di riflesso è chiaro che non invitino a bere a ogni costo. Anzi, raccomandano sempre di rivolgersi a uno specialista, capace di coniugare stato del paziente e dunque necessità idriche personali. Anche perché i martellanti spot pubblicitari, soprattutto quando arriva il caldo, che rimbalzano da tv, media e cartelloni pubblicitari le sparano «grosse» e invitano a rimpinzarsi d’acqua. Chi non lo fa si sente in colpa, come se avesse trasgredito un comandamento di vita. In realtà cercare di bere ogni giorno, senza se e senza ma, quasi due bottiglie d’acqua fa bene soprattutto ai produttori di minerale. Alla nostra salute non sempre, al nostro portafoglio mai.
Ma anche, siamo sicuro che dobbiamo bere a ogni costo, anche quando non ne abbiamo voglia? Che sia giusto, ogni mattina, costringere i bambini a mandare giù almeno un bicchiere d’acqua? Che dobbiamo acquistare acqua minerale povera di sodio se non vogliamo riempirci di cellulite o di lardo tremolante?
Su queste domande vale la pena leggere cosa afferma l’Agenzia europea per la sicurezza (Efsa): «Un sufficiente apporto di acqua è di vitale importanza per quasi tutte le funzioni dell’organismo e in particolare per regolare la temperatura corporea. Una perdita del 10 per cento dell’acqua corporea può essere fatale. Il fabbisogno di acqua può variare: più è intensa l’attività fisica e più la temperatura ambientale è elevata, maggiore sarà la richiesta di acqua. L’Efsa ha fissato un adeguato apporto di acqua, basandosi su una moderata attività fisica e temperature ambientali medie, pari a 2 litri al giorno per le donne e 2,5 litri al dì per gli uomini. Questo dato comprende l’acqua assunta sia con le bevande sia con gli alimenti».

Quantità non sempre motivate
C’è chi non è del tutto d’accordo. La nutrizionista canadese Susan Barr, docente presso l’università della British Columbia, afferma che la corsa agli otto bicchieri d’acqua non sempre è motivata, visto che le persone sane assumono una quota adeguata d’acqua  sia attraverso i cibi sia attraverso le bevande come tè verde, succhi di frutta, minestroni, frutta e verdure in genere. Valutazioni confermate dall’American College of Nutrition: «La maggior parte dell’acqua di cui abbiamo bisogno è contenuta nei cibi come frutta e verdura. Quindi, le persone senza particolari problemi di salute e che seguono una corretta dieta mediterranea, è bene che non si sentano sul banco degli imputati se non idratano il corpo con meno dei 2 fatidici litri».
E non è tutto. Consultando la letteratura medica e prendendo in esame i risultati delle ricerche più serie condotte sull’argomento, si scopre che gli studi più accreditati bocciano, soprattutto, i falsi miti che circolano su acqua, bellezza e salute. Dunque, la sete è in rapporto con la persona, il tipo di attività e la stagione.
C’era per esempio un grande giocatore brasiliano, Josè Altafini, centravanti di Milan, Napoli e Juventus, che si vantava di bere ben poco, quasi mai. Heinz Valtin, fisiologo americano della Dartmouth Medical School (New Hampshire), ha dimostrato in un famoso studio che la tesi degli 8 bicchieri o 2 litri al giorno, a tutti i costi, manca completamente di prove scientifiche a sostegno. «Insomma, è il buon senso che deve prevalere e occorre bere quando se ne sente la necessità e tenendo conto della stagione. È chiaro che in estate si avrà più bisogno di liquidi», precisa il professor Leopoldo Silvestroni, ricercatore all’università La Sapienza di Roma.
Il dilemma a questo punto è che acqua bere: minerale o del rubinetto di casa? Beh, un fatto è certo: l’acqua del rubinetto è gratis e sicura. Lo attesta un’inchiesta condotta dall’associazione consumatori Altroconsumo (www.altroconsumo.it). L’acqua dell’acquedotto, chiamata anche «l’acqua del sindaco», è di buona qualità al pari di quella in bottiglia e lo si è constatato dopo aver messo a confronto 40 tra le minerali più vendute in Italia con l’acqua di otto fonti pubbliche di grandi città italiane come: Milano, Roma, Napoli, Cagliari, ecc. È ottima quando è garantita non solo dalla società erogatrice, ma anche dall’Asl o Arpa competente perché alcune città non si sono adeguate in tutto ai parametri di assenza di alcuni metalli pesanti, come stabilisce l’Europa, e allora hanno chiesto delle deroghe. Tanti raccomandano, poi, in un’acqua, minerale o dell’acquedotto che sia, la povertà di sodio. In realtà, ciò conta ben poco visto che secondo la moderna scienza dell’alimentazione ridurre il consumo di cloruro di sodio è d’obbligo se si è ipertesi e se si tende a eccedere nella cucina a «tutto sale». Di contro, sarebbe più giusto limitare l’impiego di sale da cucina e ridurre il consumo di cibi salati (per esempio i salumi ). Qualcuno punta il dito anche contro l’acqua minerale con le bollicine. «In effetti, l’acqua gassata, addizionata di anidride carbonica, fa male solo a chi soffre di disturbi gastrici e intestinali e solo quando le bollicine sono troppe», ricordano gli esperti dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran).

Se vuoi leggere l’articolo completo,
invia una mail: info@vitaesalute.net

Articoli recenti

Muoversi di più. Una potente medicina

Muoversi di più. Una potente medicina

«Il movimento, qualsiasi tipo di attività si scelga, è una medicina-farmaco incredibile e del tutto naturale. In più, se vengono messi a confronto medicinali ed esercizio si potrà osservare che riescono ad assicurare gli stessi risultati, ci si ammala di meno e camminare è l’approccio più efficace per cominciare»,

Tra evidenze scientifiche e miti

Tra evidenze scientifiche e miti

Dagli inizi degli anni ‘70, la comunità internazionale si è data invece un metodo per stabilire quanto una scoperta sia o meno attendibile, quale importanza gli si possa attribuire. Insomma, un sistema per “pesare” le evidenze scientifiche. Oggi il metodo è accettato universalmente e tende a valutare i fatti e non le opinioni.

Mi metto a correre

Mi metto a correre

Praticare un’attività fisica di movimento è sicuramente fonte di benefici per tutto l’organismo. Cosa preferiscono gli italianiCircolano falsi miti su presunti rischi: ecco cosa dimostra la ricerca. Correre vuol dire imparare ad ascoltarsi, aumentando la consapevolezza sulle proprie condizioni fisiche.

Intuizione o sesto senso?

Intuizione o sesto senso?

Quante volte «sentiamo» che qualcosa, a naso, non ci convince? Oppure troviamo quasi inconsapevolmente la soluzione giusta per un problema che ci assilla? La saggezza popolare parla di sesto senso, la scienza più semplicemente di intuizione.

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This