Dieta e calorie? I conti non tornano

da | 2 Ott, 2020 | Alimentazione, Contrasto Fake News

“Chi è a dieta deve necessariamente conteggiare le calorie se vuole dimagrire”

Moltissime diete dimagranti si basano sul conteggio calorico, perciò di solito chi vuole perdere peso si assoggetta faticosamente a questi calcoli. Ma se fosse tempo perso?

“Il conteggio giornaliero delle calorie non è una scelta scientifica utile per perdere peso”, avverte subito il professor Pier Luigi Rossi, medico specialista in scienza dell’alimentazione, autore del libro Dalle calorie alle molecole (Aboca, 2014).

“Il corpo umano non usa il calore per vivere. Se il cuore usasse il calore come fa una caldaia o una macchina, brucerebbe”.

Quindi non dobbiamo fare affidamento sulle calorie che, avverte poi l’esperto, rappresentano una visione ottocentesca e quindi superata del corpo umano. “Invece per funzionare l’organismo usa energia chimica, un composto detto adenosintrifosfato, abbreviato in Atp”.

Del resto, noi non mangiamo calorie, ma le molecole presenti nei cibi. C’è una bella differenza tra mangiare un piatto di pasta e un pezzo di formaggio, anche a parità di calorie. “Ogni volta che mangiamo, il sangue cambia; con la pasta avremo insulina e glicemia alte, con il formaggio amminoacidi”.

Lo stesso vale a parità di calorie per birra e pane: la prima contiene alcol, il secondo carboidrati. Quindi uguale conteggio calorico ma effetti molto diversi nell’organismo, perché una caloria non è uguale a una molecola.

“Il microbiota intestinale, che è composto di batteri, non si nutre di calorie ma di molecole. Anche dal punto di vista della genomica nutrizionale c’è una bella differenza: sul Dna agiscono solo le molecole, non le calorie”.

Insomma, conteggiando le calorie non solo non si dimagrisce, ma non si costruisce nemmeno un piano dietetico equilibrato e salutare per il mantenimento del peso forma.

di Giuliana Lomazzi

Articoli recenti

Il prezzemolo cotto è tossico?

Il prezzemolo cotto è tossico?

“Tradizionalmente foglie, semi e radici sono stati impiegati per il loro effetto antipertensivo, come tonico per rafforzare la vescica, nel trattamento delle epistassi, degli ematomi, delle macchie cutanee per le sue proprietà sbiancanti, dell’alitosi, delle otiti e come emmenagogo per la presenza di sostanze che favoriscono le mestruazioni e alleviano il dolore.

Diana Web – Quali benefici?

Diana Web – Quali benefici?

Oggi tutti vanno nella direzione del cibo industriale, ma il cibo industriale fa male alla salute.
Chi mangia cibo industriale si ammala e muore di più di diabete, di cancro. Noi ti proponiamo di tornare al cibo naturale. Vieni con noi, entra nella community Diana Web riscoprirai la meraviglia del cibo naturale. Mangiamo i cibi e non la trasformazione industriale dei cibi.

Vino che fa dimagrire?

Vino che fa dimagrire?

La lista di benefici attribuita al vino, soprattutto quello rosso, è piuttosto lunga. E dato che i vecchi miti sono duri a morire, ogni tanto qualcuno ricompare: è il caso del suo presunto effetto dimagrante. Gli studi in questione sono vecchiotti, ma tant’è, i loro risultati appaiono come incantevoli sirene per chi vuole dimagrire senza faticare.

Archivi

Categorie

Iscriviti

Iscrivendoti alla newsletter potrai accedere gratuitamente agli articoli bloccati ed essere sempre aggiornato con i nostri consigli per uno stile di vita sano e sostenibile.

Share This