Cibo e Sport: alimentazione naturale nell’esercizio quotidiano

da | 21 Mar, 2021 | Alimentazione, Fitness, Fitoterapia

Tante scelte per i vegetariani

Un’alimentazione equilibrata e ricca di nutrienti rapidamente assimilabili e digeribili è fondamentale nello sport e nell’esercizio quotidiano.

Ecco alcuni consigli utili e strategie pratiche:

  • via libera ai carboidrati prima di un allenamento o di una gara: assumere carboidrati complessi e facilmente digeribili, come la pasta, nel pasto che precede l’allenamento (2-3 ore di distanza tra pasto e allenamento) permette di costituire la riserva energetica che sarà utilizzata dai muscoli per affrontare lo sforzo fisico;
  • magnesio e potassio: questi nutrienti fondamentali per la salute muscolare aiutano il muscolo a sfruttare gli zuccheri e l’ossigeno presenti nel sangue e svolgere un’azione antiossidante.
    Il magnesio si trova nei cereali integrali e nella frutta secca (mandorle, noci e nocciole), mentre il potassio è presente soprattutto nella soia, nei legumi (fagioli e ceci) e in alcuni frutti (uva, fichi…);
  • uova, lenticchie e seitan: alleati proteici dello sportivo vegetariano, perché assicurano all’organismo fonti adeguate di vitamina B12, ferro e proteine, nutrienti indispensabili nell’attività sportiva.
    Grazie alle uova introduciamo buone quantità di vitamina B12, indispensabile per la formazione dei globuli rossi e per il sistema nervoso.
    Con le lenticchie apportiamo al nostro organismo una buona dose di ferro, coinvolto in numerose funzioni vitali.
    I legumi e il seitan danno una mano a incrementare l’apporto proteico nella dieta vegetariana supportando così la sintesi delle fibre muscolari;
  • non dimentichiamo l’idratazione: spesso diamo per scontato che sia sufficiente bere acqua durante i pasti per ottenere un’idratazione sufficiente.
    Per gli sportivi è consigliata l’assunzione di 500 ml di acqua circa mezz’ora prima dell’allenamento per bilanciare i liquidi in perdita durante la pratica sportiva.

L’equilibrio è sempre indispensabile

  • 30-40 minuti di camminata al giorno o 10mila passi sono basilari per mantenere in salute il nostro organismo.
    Alcuni metodi comportamentali utili a raggiungere questo obiettivo possono essere: l’uso di un contapassi, camminare in compagnia, utilizzare i mezzi pubblici, scegliere le scale in alternativa all’ascensore.
  • Non pretendiamo prestazioni agonistiche dal nostro fisico se non siamo adeguatamente allenati: rischiamo di causare strappi e serie infiammazioni muscolari che rischiano di farci abbandonare i buoni propositi di movimento.
  • Mai saltare la prima colazione: rischiamo di arrivare affamati all’ora di pranzo abbondando nel pasto che precede l’esercizio fisico. Durante l’allenamento saremo più affaticati dalla digestione più lunga del previsto.§
  • Circolo virtuoso: ricordiamoci che il movimento favorisce la produzione di ormoni regolatori dell’umore.  Come la serotonina che induce una sensazione di benessere psicofisico stimolante per continuare a praticare attività fisica.

Articoli recenti

Consumo di avocado e grasso addominale

Consumo di avocado e grasso addominale

Secondo un nuovo studio, il consumo giornaliero di avocado riduce leggermente il colesterolo. Ma non ha alcun effetto sul grasso addominale, sul grasso del fegato o sulla circonferenza della vita nelle persone con sovrappeso o obesità.

Consumo di latte e cancro alla prostata

Consumo di latte e cancro alla prostata

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University Health, gli uomini con un’assunzione maggiore di latticini, in particolare di latte, corrono un rischio significativamente maggiore di cancro alla prostata rispetto agli uomini con un’assunzione inferiore. Lo studio non ha trovato tali associazioni tra l’aumento del rischio di cancro alla prostata e l’assunzione di calcio non caseario

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

Vegani e biomarcatori per difendersi dalle malattie

I vegani, rispetto ai non vegetariani, mostrano differenze significative nei loro profili metabolici. Tali differenze possono aiutare a spiegare il loro minor rischio di malattie croniche.Lo dimostra  un recente studio condotto dai ricercatori della Loma Linda University, del Brigham and Women’s Hospital e della Fred Hutchinson Cancer Research Center. 

Share This